CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 100
Oggi, la maggior parte dei partecipanti alla manifestazione del Comitato Cittadini per l’ Aeroporto di Crotone sono delusi per la scarsa partecipazione da parte degli amministratori. Nessuna fascia tricolore ha rappresentato il sostegno istituzionale da parte dei sindaci.

Quando ancora da Crotone si volava, quando c’è stata la necessità di dare risorse alla curatela fallimentare per mantenere aperto l’aeroporto, noi del M5S abbiamo dato il nostro supporto.

Ci siamo opposti alla mentalità campanilistica che alimenta la divisione dei territori. L’aeroporto di Crotone fa parte di un sistema aeroportuale regionale ed abbiamo detto che per il bene di Crotone e della Calabria bisognerebbe avere una gestione unica, che con sinergia bilanci adeguatamente i collegamenti e sviluppi una rete efficiente tra i tre scali (cosa che è alla base del bando di concessione dell’Enac).

Abbiamo sostenuto, da sempre, che la Sagas, mantenuta sulla scena da Ugo Pugliese in continuità con il suo predecessore Vallone, fosse una scatola vuota di competenze ma ricca di poltrone da assegnare. Pertanto, sin da quando si è detto che Sagas, partecipando alla gara per la gestione del solo aeroporto di Crotone, sarebbe stata penalizzata rispetto a chi si fosse proposto anche per la gestione di quello di Reggio Calabria, abbiamo palesato il rischio che un’eventuale controversia amministrativa avrebbe prolungato la chiusura dello scalo di Crotone che, a differenza di quello di Reggio Calabria, è privo di un gestore, dopo il fallimento della Sant’Anna SpA.

A dicembre abbiamo richiesto che la struttura aeroportuale di Crotone fosse adeguatamente vigilata e preservata da furti ed atti di sciacallaggio ma tutt’oggi supponiamo che la struttura non sia vigilata con alcun presidio permanente o adeguati sistemi di allarme.

Oggi vogliamo dare risposte a quei cittadini che non si capacitano del fatto che l’aeroporto di Crotone sia chiuso.

Tecnicamente, la gara in corso per l’affidamento trentennale degli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria è stata “congelata” dall’Enac, in attesa della pronuncia del TAR circa uno o più ricorsi, tra cui quello che chiede l’annullamento del bando da parte di Sagas, ovvero quello del Sindaco di Crotone Ugo Pugliese.

Politicamente, Mario Oliverio ed Enzo Sculco si stanno contendendo la proprietà del PD calabrese ed anche la questione della gestione degli aeroporti rappresenta un braccio di ferro tra i due.

Siamo vittime di questa politica che guarda solo agli interessi personali, senza curarsi della collettività.

Da cittadini di Crotone e della Calabria chiediamo che l’Enac concluda al più presto la gara ed affidi la gestione degli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria al concorrente che meglio risponda a quanto richiesto dal bando di gara; chiediamo ai ricorrenti, per amore della nostra terra, di ritirare i ricorsi e non aggravare ulteriormente lo stato di isolamento della nostra città dal resto dell’Italia e del mondo.

Ai cittadini di Crotone, partendo da chi era oggi dinanzi alla Prefettura, chiediamo di valutare le nostre considerazioni e pretendere con noi che la politica sia al servizio dei cittadini e non scontro per interessi privati.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia